Ogni azienda non è altro che una struttura fondata su pilastri. Il successo, infatti, non è mai un caso: piuttosto la somma di una serie di addendi che fanno dell’architettura una costruzione stabile e salda anche di fronte ai cambiamenti.

Ma come si costruisce un’organizzazione produttiva? Punto di partenza è la digitalizzazione dei processi e, insieme ad essa, la responsabilizzazione sui risultati a cui i dipendenti dovrebbero essere educati.

Fare business impone l’utilizzo dei dati nel processo decisionale e la costruzione di ogni strategia su fatti oggettivi piuttosto che su sensazioni personali. In un mondo che corre veloce, poter analizzare prestazioni e performance attraverso metriche e KPI consente di governare il progetto in ogni sua fase e saper affrontare l’imponderabile.

Controllare per valorizzare il lavoro dei dipendenti

Migra per controllare e valorizzare la produttività dei dipendenti.

Si comprende, alla luce di ciò, l’esigenza di diffondere nell’organizzazione una cultura Data-Driven, che vada oltre le sensazioni e il “secondo me” e si fondi su numeri e metriche. Solo lontano dal sensazionalismo si valorizza l’impegno del personale e si comprende l’andamento dei flussi di business.

Per un manager, obbligatoriamente, il controllo della propria azienda passa anche per il controllo dei collaboratori. Ma più che ad imporre chissà quale sistema di autorità, i dati creano una forma di potere “corresponsabilizzata”, in cui le diverse realtà dell’azienda si integrano per generare valore e risultati soddisfacenti.

Ultimamente, si è perso il valore positivo del monitoraggio. Controllare la produttività del team vuol dire guidarlo, aiutandolo a focalizzare l’attenzione e ad esprimere tutte le reali potenzialità.

Il risultato non altro che la creazione di più centri di responsabilità, senza i quali si rischia di incorrere in comportamenti che puntino all’ottimizzazione per compartimenti stagni e non a quelli che sono i reali obiettivi di business.

L’importanza degli strumenti di Process Management e dei KPI per lavorare efficacemente

L’importanza degli strumenti di Process Management e dei KPI per lavorare efficacemente

Negli ultimi anni sono molte le aziende che si sono rese conto dell’essenzialità di digitalizzare e oggettivare i processi mediante KPI che consentissero, anche lavorando a distanza, di misurare nel tempo le criticità, gli obiettivi da raggiungere, quelli non raggiunti, la forza lavoro impegnata nel conseguimento degli stessi e il relativo costo.

Determinanti si sono rilevati gli strumenti di Process Management, grazie ai quali è diventato semplice ottimizzare la produttività e valorizzare il lavoro dei singoli collaboratori.

Ecco i vantaggi più importanti della digitalizzazione dei processi:

  • Creazione di flussi di lavoro personalizzati
  • Rapidità nella creazione di applicazioni basate sui processi
  • Definizione delle fasi e delle attività nelle stesse
  • Integrazione del flusso di lavoro di attività esterne
  • Semplificazione dei processi ripetuti
  • Creazione e assegnazione di attività
  • Attribuzione facilitata di responsabilità e ruoli
  • Registrazione di azioni, eventi e tempi diversificati per autore
  • Sincronizzazione delle attività di ogni fase
  • Controllo e misurazione della attività in corso
  • Limitazione di errore

Migra per il controllo della produttività

Migra per il controllo e il monitoraggio della produttività

Migra è la soluzione per il controllo della produttività offerta da Basis IT. Grazie ad esso è possibile valutare le attività per il conseguimento degli obiettivi di business attraverso numeri, dati e indici oggettivi e veritieri.

Come Migra semplifica il lavoro? Responsabilizzando i collaboratori sui risultati, ottimizzando il flusso di informazioni, rendendo efficiente la condivisione di “chi sta facendo cosa”, il monitoraggio del progresso delle attività e l’assegnazione delle priorità.

Così facendo, il team non perde di vista gli obiettivi dell’azienda mentre per il manager è possibile intercettare preventivamente eventuali deviazioni del lavoro e avviare azioni correttive in tempi utili e senza che gravino sulla produttività aziendale.